Arte contemporanea
nei 5 continenti

Posted on 21st Jun 2022



©Marco Pavan - Fondazione Imago Mundi


“Imago Mundi is a cultural, democratic and global project that looks to the new frontiers of art in the name of coexistence of expressive diversity”

Luciano Benetton

 

 
La Fondazione Benetton ha selezionato le Biblioteche IED Milano e altri enti culturali italiani e internazionali come beneficiari della donazione della collezione bibliografica di arte contemporanea Imago Mundi.

L’intera raccolta riunisce ad oggi 160 cataloghi che sono dedicati a ciascuna delle altrettante collezione realizzate da Imago Mundi, progetto di arte contemporanea promosso da Luciano Benetton (oltre 26mila artisti da 173 Paesi e comunità native di tutto il mondo. L’intera collezione è visibile nel link.

Sotto l’egida della Fondazione Imago Mundi, il progetto globale, non profit, democratico, guarda ai nuovi orizzonti in nome dell’incontro e della convivenza delle diversità espressive, per realizzare una catalogazione – delle poetiche e dei linguaggi, come delle opere – diversa da quella consueta, museale, di tendenza o di mercato che sia. L’obiettivo del progetto è la ricerca, la conoscenza e la promozione delle realtà artistiche di tutto il mondo e, soprattutto, il dialogo tra le diverse culture.

Ogni catalogo Imago Mundi contiene tutte le opere della collezione di riferimento e le biografie degli artisti (140/210 per ogni Paese) ed è preceduto da una serie di prefazioni di taglio divulgativo ma di assoluto rigore scientifico redatte da esperti locali con l’obiettivo di offrire uno sguardo su realtà artistiche lontane e spesso poco conosciute. I cataloghi sono pubblicati in tre lingue: italiano, inglese e nella lingua locale.

Per IED è una preziosa finestra sull’arte contemporanea dei 5 continenti. Bacino di ricerca da cui trarre ispirazioni e spunti per la propria creatività.

Buone scoperte!
 
Accedi qui alla lista



Imago Mundi: An Introduction by Luciano Benetton




Collezioni > Guida alla biblioteca


in homepage image: ©Marco Pavan - Fondazione Imago Mundi

Torna indietro