FOTOGRAFIA

Posted on 20th Sep 2018


click for English version


Un'interessante selezione di articoli su fotografia giapponese, di moda, e reportage dal nostro Zoom archive

di Gabriella Alessandra Corrado (studente IED, 2° Fotografia)


La fotografia di moda negli anni ‘80 e ‘90

Eva Herzigova © Helmut Newton; The Blue Series © Jeff Dunas; Guy Bourdin, Charles Jourdan, 1979 © Estate of Guy Bourdin; Bath House series © Deborah Turbeville; Floating Torso, St. Barthelemy, 1987 © Herb Ritts
Il mondo della moda è conosciuto come uno dei campi della fotografia più attraenti e lussuosi. Nato con la sola funzione di mostrare gli abiti e le collezioni dei brand, è diventato un vero e proprio modo di vedere le immagini con dietro un mondo che gira attorno a nuove tendenze, stilisti, brand, modelle etc. La fotografia di moda è un lavoro assolutamente collaborativo, realizzato da un team che lavora insieme (fotografo, designer, stilista), senza il quale è difficile andare avanti.

Dai un occhio negli archivi della rivista Zoom in biblioteca (Sciesa) per vedere i seguenti articoli e scoprire i più grandi fotografi degli anni ‘80 e ‘90 e le loro immagini nascoste:
 
Guy Bourdin, “Zoom”, n. 16 (1982), pp. 58-64                                                                    
Deborah Turbeville, “Zoom”, n. 33 (1983), pp. 58-82                                                                   
Herb Ritts, “Zoom”, n. 89 (1989), pp. 48-63                                                                      
Helmut Newton, “Zoom”, n. 107 (1991), pp. 32-41                                                                      
Jeff Dunas, “Zoom”, n. 111 (1991), pp. 54-65
 
Vuoi vedere di più? Vieni a scoprire nella biblioteca la nostra selezione di libri di moda. In particolare, Fashion as photograph di Eugènie Shinkle, un libro che ripropone immagini ed elementi dell'industria della moda. O anche, Fashion di Nathalie Herschdorfer, una spettacolare collezione di immagini dell'archivio Condè Nast.


La fotografia documentaria negli anni ‘80

© Jean Robert Franco; © Jean Levrault; Essaouïra, Maroc, 1971 © Edouard Boubat, Rapho; La tradizione del bagno in Ungheria © Yves Gellie, Gamma; may 68 © Dityvon, BUA-Bibliothèque Universitaire d'Angers
La fotografia documentaria, anche conosciuta come fotogiornalismo o reportage, è un genere la cui origine può essere rintracciata nei primi anni del 1850. Essa si è velocemente evoluta nel momento in cui i fotografi si sono accorti delle capacità delle macchine fotografiche di riprodurre fedelmente la realtà, cosa che non era possibile fare attraverso la pittura. Fotografi come Jacob Riis hanno utilizzato l’influenza di questo genere per rivelare i mali della società e per proporre una riforma sociale.
Sarebbe impensabile oggi immaginare un mondo senza il contributo che questo genere fotografico ci ha dato.

I seguenti articoli tratti da “Zoom” comprendono una serie di fotografie degli anni ’80 che sono difficili da trovare in altri posti e molto ispiranti:
 
Dityvon, Basket-ballers, “Zoom”, n. 45 (1984), pp. 98-103
J.R. Franco, “Zoom”, n. 63 (1986), pp. 52-61
Jean Levrault, Acque Forti: Venezia, “Zoom”, n. 69 (1987), pp. 56-63
Yves Gellie, “Zoom”, n. 79 (1988), pp. 58-65
Edouard Boubat, “Zoom”, n. 71 (1987), pp. 49-63
 
Ami davvero la fotografia di strada? Guarda il nostro nuovo libro, Garry Winogrand di Leo Rubinfien: una gigantesca collezione delle fotografie di Winogrand.
 

La fotografia in Giappone


© Yoshihiro Tatsuki; © Michio Washio; © Yoshihiro Tatsuki; © Minsei Tominaga, Six Number 2, 1988 x Karl Blossfeldt, Six Number 2, 1988; © Shuji Terayama

Il Giappone ha una ricca storia di fotografia piena di fotografi che si possono considerare delle icone in diversi ambiti. Negli anni ’20 e ’30 i fotografi giapponesi hanno iniziato ad emergere nel fotogiornalismo, ma successivamente hanno portato la loro unica visione anche in tutti gli altri generi fotografici.
La fotografia giapponese continua tutt’oggi ad ispirare quella di tutto il mondo.

CONCEPTUAL:
Fototeca immaginaria di Shuji Terayama, “Zoom”, n. 17 (1982), pp. 58-75
FASHION:
Yoshihiro Tatsuki, “Zoom”, n. 30 (1983), pp. 64-73
PORTRAITS:
Michio Washio, “Zoom”, n. 31 (1983), pp. 32-37
COMMERCIAL:
Minsei Tominaga, “Zoom”, n. 31 (1983), pp. 92-97
REPORTAGE:
Tatsuki, “Zoom”, n. 72 (1987), pp. 84-94
 
Ovviamente non si può parlare dei fotografi giapponesi senza parlare di Nobyushi Araki. Leggi la sua storia in uno dei nostri libri, The Photo Book che include Araki a p. 28, tra le storie di molti altri fotografi. 



Collezioni > Emeroteca





An interesting selection of articles on Japanese photography, fashion photography and documentary photography from our Zoom archive

by Gabriella Alessandra Corrado (IED student, 2° Fotografia)

Fashion photography in the 80s and 90s


Eva Herzigova © Helmut Newton; The Blue Series © Jeff Dunas; Guy Bourdin, Charles Jourdan, 1979 © Estate of Guy Bourdin; Bath House series © Deborah Turbeville; Floating Torso, St. Barthelemy, 1987 © Herb Ritts

The world of fashion, one of the most desirable and luxurious fields in photography. What started as a commercial need for brands to show of their collections has become in the last 50 years its own world revolving around new trends, stylists, editors, brands, models etc. Fashion photography is a collaborative effort and there is a lot that goes on behind a great image.
Learn about some of the classic names in fashion photography from the 80s and 90s and discover just how timeless and relevant their work still is.  

Take a look in the Zoom magazine archive at IED library (Sciesa) to find the following articles and to discover hard to find images from fashion’s top names:
 
Guy Bourdin, “Zoom”, n. 16 (1982), pp. 58-64                                                                    
Deborah Turbeville, “Zoom”, n. 33 (1983), pp. 58-82                                                                           
Herb Ritts, “Zoom”, n. 89 (1989), pp. 48-63                                                               
Helmut Newton, “Zoom”, n. 107 (1991), pp. 32-41                                                              
Jeff Dunas, “Zoom”, n. 111 (1991), pp. 54-65

Looking for more? Check out the library’s fashion photography section. In particular, Fashion as photograph by Eugènie Shinkle, which reviews images and elements of the fashion industry. As well as Fashion by Nathalie Herschdorfer, a spectacular collection of images from the Condè Nast archive.
 


Documentary Photography in the 1980s


© Jean Robert Franco; © Jean Levrault; Essaouïra, Maroc, 1971 © Edouard Boubat, Rapho; La tradizione del bagno in Ungheria © Yves Gellie, Gamma; may 68 © Dityvon, BUA-Bibliothèque Universitaire d'Angers 
Documentary photography, also known as photo journalism or reportage, is a genre that can be traced back to the 1850s. It quickly developed as photographers realized the cameras capability to reproduce reality faithfully – something that was not possibile with painting. Photographers such as Jacob Riis used this genres growing influence to expose society’s evils and propose social reform. It would be unthinkable today to imagine a world without it.

The following articles from Zoom are photo stories from the 80s that are difficult to find anywhere else and are very inspiring:

Dityvon
, Basket-ballers, “Zoom”, n. 45 (1984), pp. 98-103
J.R. Franco, “Zoom”, n. 63 (1986), pp. 52-61
Jean Levrault, Acque Forti: Venezia, “Zoom”, n. 69 (1987), pp. 56-63
Yves Gellie, “Zoom”, n. 79 (1988), pp. 58-65
Edouard Boubat, “Zoom”, n. 71 (1987), pp. 49-63

Really love street photography? Check out our new book, Garry Winogrand edited by Leo Rubinfien, a huge collection of Winogrand’s photography.
 
 

Photography in Japan

© Yoshihiro Tatsuki; © Michio Washio; © Yoshihiro Tatsuki; © Minsei Tominaga, Six Number 2, 1988 x Karl Blossfeldt, Six Number 2, 1988; © Shuji Terayama

Japan has a rich history in photography full of iconic photographers in multiple fields. In the 20s and 30s, Japanese photographers began to emerge in photojournalism, but then they began to bring their unique vision to all types of photographic genres.
Photography in Japan continues to inspire photography today all over the world.
 
CONCEPTUAL:
Fototeca immaginaria di Shuji Terayama, “Zoom”, n. 17 (1982), pp. 58-75
FASHION:
Yoshihiro Tatsuki, “Zoom”, n. 30 (1983), pp. 64-73
PORTRAITS:
Michio Washio, “Zoom”, n. 31 (1983), pp. 32-37
COMMERCIAL:
Minsei Tominaga, “Zoom”, n. 31 (1983), pp. 92-97
REPORTAGE:
Tatsuki, “Zoom”, n. 72 (1987), pp. 84-94
 
Of course you can’t talk about Japonese photographers without talking about Noboyushi Araki. Read his profile in one of our new books, The Photo Book, which includes Araki on pg. 28 among many other photographer profiles. 



Collection > Magazines
 
 

Torna indietro